Politică

Pamantul deocamdata

Timpul vietii ni-i scurt
Hai sa-l facem curat
Traiesc unii din furt,
Altii doar din ce-au dat,
Sunt saraci si bogati,
Lovesc lasii pe bravi :
Voi, ce-n luna zburati
Pan la cer va urcati
Pe spinari de noi sclavi.

Pe pamant avem de toate
Si mai bune si mai rele,
Bune, rele,
Si-nchisori si libertate
Si-a putea si nu se poate
Si noroi si stele.

Voi ce-n luna zburati
Cu-ale noastre izbanzi
Nu uitati c-aveti frati
Pe planeta flamanzi.
Painea lor o mancati
Printre stele zburand,
Voi degeaba zburati
Cand cei subdezvoltati
Se tarasc pe pamant.

Pe pamant avem de toate
Si mai bune si mai rele,
Bune, rele,
Si-nchisori si libertate
Si-a putea si nu se poate
Si noroi si stele.

Lumea-i plina de rani
Si de doctori docenti
Si de masti si de vami
Si de mari inocenti :
Fiindca nasteti copii
Aparati-i luptand,
Doborati monstrii vii
Ce de-un veac de vecii
Dolii pun pe pamant.

Pe pamant avem de toate
Si mai bune si mai rele,
Bune, rele,
Si-nchisori si libertate
Si-a putea si nu se poate
Si noroi si stele.

Intre cei care trag
Si acei ce sunt trasi
Nu e loc de vreun steag,
E o groapa de pasi.
Intre ei sunt sudati
Cu un stramb ideal,
Cum sunt bine legati
Condamnatul de lat
Si biciusca de cal.

Pe pamant avem de toate
Si mai bune si mai rele,
Bune, rele,
Si-nchisori si libertate
Si-a putea si nu se poate
Si noroi si stele.

Fii ai muncii aveti
Nadusala pe piept
Cum sta nurca de prt
Pe-al madamelor piept.
Unii iau, altii fac,
Unii dorm, altii sunt,
Intre inger si drac
Trage omul sarac,
Inhamat la pamant.

Pe pamant avem de toate
Si mai bune si mai rele,
Bune, rele,
Si-nchisori si libertate
Si-a putea si nu se poate
Si ruina si cetate
Genii mari si frunti tembele,
Vant ce sta si vant ce bate
Si martiri dar si lichele,
Nedreptate si dreptate
Si-a putea si nu se poate
Si noroi si stele.

de Adrian Paunescu

Despre autor

contribuitor

comentarii

Adauga un comentariu

  • Azi, cand se implinesc trei anni de la marea pierdere a lui Adrian Paunescu care a fost nu doar conationalul meu dar chiar si consatean pentru o vreme, incerc sa ii omagiez amintirea cu traducerea in italiana a doua dintre frumoasele si profundele sale poezii:
    “Pamantul deocamdata” si “Ruga pentru parinti”.
    Dumnezeu sa il mangaie si odihneasca in pacea Sa vesnica!

    La Terra per adesso

    Il tempo della vita ci è breve
    Faciamolo pulito
    Vivono alcuni di furto
    Gli altri solo di quello che hanno dato
    Ci sono poveri e ricchi
    I vigliachi sputano sui bravi
    Voi che sulla Luna volate
    Fino al ciello salite
    Su spalle di nuovi schiavi.

    Sulla Terra abbiamo di tutto
    Sia più buone, sia più cattive
    Buone-cattive
    Sia prigioni che libertà
    Sia potremmo che non si può
    Sia fango sia stelle.

    Voi che sulla Luna partite
    Con le vostre vittorie
    Non dimenticate che avete fratelli
    Sul pianeta affamati.
    Il loro pane lo mangiate
    Tra le stelle volando,
    Voi inutilmente volate
    Quando i sottosvillupati
    Si strisciano sulla terra.

    Sulla Terra abbiamo di tutto
    Sia più buone, sia più cattive,
    Buone, cattive,
    Sia prigioni sia libertà
    Sia potere sia non si può
    Sia fango che stelle.

    Il mondo è pieno di ferite
    E di dottori docenti
    E di maschere e di dogane
    E di grandi innocenti:
    Perché partorite bambini
    Difendeteli lottando,
    Abbattendo i mostri vivi
    Che da un secolo di eternità
    Luti mettono sulla Terra.

    Sulla Terra abbiamo di tutto
    Sia più buone, sia più cattive,
    Buone, cattive,
    Sia prigioni sia libertà
    Sia potere sia non si può
    Sia fango che stelle.

    Tra quelli che trascinano
    E quelli che sono trascinati
    Non è posto per alcuna bandiera
    È una fossa di pasi.
    Tra loro sono saldati
    Con un storto ideale,
    Come ben sono legati
    Il condannato al laccio
    E la frusta al cavallo.

    Sulla Terra abbiamo di tutto
    Sia più buone, sia più cattive,
    Buone, cattive,
    Sia prigioni sia libertà
    Sia potere sia non si può
    Sia fango che stelle.

    Figli del lavoro avete
    Il sudore sul petto
    Come sta il pregiato visone
    Sul petto delle madame
    Alcuni prendono, alcuni fanno,
    Alcuni dormono, alcuni sono,
    Tra angelo e diavolo
    Tira l’uomo povero
    Aggiogato alla terra.

    Sulla Terra abbiamo di tutto
    Sia più buone, sia più cattive,
    Buone, cattive,
    Sia prigioni sia libertà
    Sia potere sia non si può
    Sia rovina sia cittadella
    Geni grandi e fronti scellerate,
    Vento che sta e vento che soffia
    Sia martiri che cialtroni
    Ingiustizia e giustizia
    Sia potere sia non si può
    Sia fango che stelle.

    Versi: Adrian Paunescu
    Traduzione: Elena Banut

    “Ruga pentru parinti”

    Enigmatici şi cuminţi,
    Terminându-şi rostul lor,
    Lângă noi se sting şi mor,
    Dragii noştri, dragi părinţi.

    Chiamă-i Doamne înapoi
    Că şi-aşa au dus-o prost,
    Şi fă-i tineri cum au fost,
    Fă-i mai tineri decât noi.

    Pentru cei ce ne-au făcut
    Dă un ordin, dă ceva
    Să-i mai poţi întârzia
    Să o ia de la început.

    Au plătit cu viaţa lor
    Ale fiilor erori,
    Doamne fă-i nemuritori
    Pe părinţii care mor.

    Ia priviţi-i cum se duc,
    Ia priviţi-i cum se sting,
    Lumânări în cuib de cuc,
    Parcă tac, şi parcă ning.

    Plini de boli şi suferind
    Ne întoarcem în pământ,
    Cât mai suntem, cât mai sunt,
    Mângâiaţi-i pe părinţi.

    E pământul tot mai greu,
    Despărţirea-i tot mai grea,
    Sărut-mâna, tatăl meu,
    Sărut-mâna, mama mea.

    Dar de ce priviţi asa,
    Fata mea şi fiul meu,
    Eu sunt cel ce va urma
    Dragii mei mă duc şi eu.

    Sărut-mâna, tatăl meu,
    Sărut-mâna, mama mea.
    Rămas bun, băiatul meu,
    Rămas bun, fetiţa mea,

    Tatăl meu, băiatul meu,
    Mama mea, fetiţa mea.

    Preghiera per genitori

    Enigmatici e bravi,
    Concludendo il loro compito,
    Accanto a noi si spengono e muoiono,
    I nostri cari, cari genitori.

    Chiamali Signore indietro
    Che già così hanno vissuto male,
    E falli giovani come son stati
    Falli più giovani di noi.

    Per quelli che ci hanno creato
    Da’ un ordine, da’ qualcosa
    Che li possa ritardare
    A ripartire dall’inizio.

    Hanno pagato con la loro vita
    Gli errori dei figli
    Signore falli immortali
    I genitori che muoiono.

    Ecco, guardateli come se ne vanno,
    Ecco guardateli come si spengono,
    Candele in nido di cuculo,
    Sembra che tacciano e sembra che nevichino.

    Pieni di malattie e sofferenti
    Torniamo nella terra,
    Quanto siamo ancora, quanto sono ancora,
    Accarezzateli i genitori.

    È sempre più pesante la terra,
    La separazione è sempre più pesante,
    Bacio la mano, padre mio,
    Bacio la mano, madre mia.

    Ma perché guardate così,
    Figlia mia e figlio mio,
    Io sono quel che seguirà
    Cari miei me ne vado anch’io.

    Bacio la mano, padre mio,
    Bacio la mano, madre mia,
    Stammi bene, figlio mio,
    Stammi bene, figlia mia,

    Padre mio, figlio mio,
    Madre mia, figlia mia.

    Versuri: Adrian Paunescu
    Traducerea: Elena Banut

Abonează-te la newsletter